Il Gruppo Carige considera reputazione e credibilità fattori essenziali per garantire la migliore relazione con gli stakeholders; pertanto, oltre alla rigorosa applicazione della normativa posta a tutela della clientela, profonde particolare impegno nell’adozione dei presidi di compliance e nell’analisi delle motivazioni dei reclami pervenuti. In quest’ottica, ha quindi aderito fin dal 1993 all’Ombudsman Giurì Bancario, dal 2007 confluito nell’Associazione Conciliatore Bancario Finanziario, che gestisce anche altri strumenti di risoluzione delle controversie stragiudiziali quali la Conciliazione e l’Arbitrato (a partire dal 15 ottobre 2009 è operativo l’Arbitro Bancario Finanziario ABF che interviene per le controversie in materia di servizi bancari e finanziari).

Per migliorare ulteriormente i rapporti con la clientela, nel corso del 2010 sono stati effettuati investimenti informatici volti a ridurre i tempi di risposta dei reclami e migliorare il coordinamento delle fasi istruttorie e di reportistica agli Organi competenti ed all’ABI.

Presso l’ufficio Reclami della Capogruppo sono state accentrate le incombenze previste dall’art. 7 del D. Lgs. 196/2003 (Codice della privacy) e dal “Codice di deontologia e di buona condotta “ per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in materia di credito al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti.

Entro il termine prescritto sono stati redatti i Documenti Programmatici sulla Sicurezza per le Banche del Gruppo in adempimento a quanto previsto dal Decreto Legislativo 196 del 2003 in materia di Privacy.

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer 6 (e superiori), Firefox 1.5 (e superiori) e per una risoluzione del monitor di 1024x768 pixel

Il browser deve avere abilitato il supporto per i cookies. Tali cookies contengono esclusivamente informazioni tecniche atte a garantire il miglior funzionamento e
la sicurezza dell'applicazione e non a rilevare l'attività svolta dall'utente

2010 - Gruppo Banca Carige - Banca Carige SpA - Part. I.V.A. 03285880104